Bookmark and Share
HOME Rassegna Stampa PIAZZA AFFARI POCO MOSSA, FIAT DEBOLE
Le news più lette
SOROS, L’UE RISCHIA IL CRACK, BERLINO AIUTI. MERKEL, SARÀ PROLUNGATO IL FONDO SALVA BANCHE TEDESCO
  Secondo il tycoon George Soros, l`Ue rischia di essere distrutta dall`incubo della crisi dell`euro. Per questo motivo la Germania deve assumersi la re...

MILANO SNOBBA MINACCIA DI FITCH A USA, SENZA ACCORDO SU DEBITO TRIPLA A A RISCHIO
  Piazza Affari snobba la minaccia di Fitch agli Usa. Se il Congresso degli Stati Uniti non troverà un accordo tempestivo sull`innalzamento del t...

G20 FIDUCIOSO SU FISCAL CLIFF, DUELLO OBAMA/ROMNEY TIENE SULLE SPINE LE BORSE
  I Paesi del G20, secondo una fonte del G20, sono fiduciosi sul raggiungimento di un accordo sul fiscal cliff negli Stati Uniti. Il cosiddetto fiscal c...

Chi siamo

AllServiceFinance opera su tutto il territorio nazionale al fianco di enti, istituti di credito, grandi aziende nella gestione del credito insoluto e nel supporto ad imprenditori ed aziende per la ristrutturazione aziendale e finanziaria.

  Richiesta Contatto
Se vuoi essere contattato per maggiori informazioni sui nostri servizi compila il modulo di richiesta informazioni o telefona allo 080 5520500


Rassegna Stampa


  14 maggio 2014

PIAZZA AFFARI POCO MOSSA, FIAT DEBOLE

Le borse europee sono stabili in apertura oggi. Alcuni trader ritengono che il rally degli ultimi due mesi, che ha visto l`FTSEurofirst 300 salire di circa il 7% dai minimi di marzo, possa perdere energia, con gli investitori che cercano opportunità per capitalizzare.

Lo spread, che ieri ha terminato la seduta a 152 punti base, riparte da 153 punti mentre il tasso decennale italiano si conferma sotto quota 3% al 2,95%. Sarà presumibilmente lanciato in giornata, via sindacato, il nuovo Btp a 15 anni (scadenza marzo 2030) annunciato ieri dal Tesoro.

La prima indicazione di rendimento per il nuovo titolo è in area 14 punti base sopra quello del vecchio 15 anni settembre 2028, ovvero attorno al 3,66% ai prezzi di mercato di ieri in chiusura. Gli esperti ipotizzano un importo di 5 miliardi di euro o anche qualcosa di più.

A Piazza Affari l`indice Ftse Mib sale ma solo dello 0,12% a 21.281 punti. Premiata Ubi Banca (+2,19% a 6,52 euro) il cui utile netto trimestrale si è più che raddoppiato rispetto al primo trimestre del 2013 a 58 milioni di euro. Gli analisti si aspettavano mediamente 51 milioni di euro. Mentre il Banco Popolare (-1,77% a 12,77 euro) ha chiuso il primo trimestre con una perdita di 19 milioni, a fronte dell`utile pari a 92 milioni registrato nello stesso periodo del 2013.

Inoltre sono aumentate le rettifiche su crediti, pari a 328 milioni contro i 228,8 milioni del primo trimestre 2013. Bpm sale ancora dello 0,82% a 0,615 euro con BlackRock che ha in portafoglio il 5,149% del capitale della banca, invece Intesa Sanpaolo (-0,68% a 2,33 euro) risente della notizia che Francesco Micheli si è dimesso dalla carica di consigliere di gestione.

Tra gli industriali Fiat segna un -0,14% a 7,24 euro dopo che l`ad, Sergio Marchionne, ha detto che il gruppo nel 2018 a fine piano sarà molto più forte di ora, anche se dovesse mancare gli obiettivi indicati di un 10%. "I target sono target. Ma anche se li manchiamo di un 10%, rispetto a dove siamo oggi, è come il nano e il Jolly Green Giant", ha detto Marchionne all`inaugurazione di un nuovo impianto a Tipton, nell`Indiana.

Il Green Giant, menzionato da Marchionne, è l`enorme personaggio animato che pubblicizza una marca di verdura surgelata in lattina, prodotta da General Mills. La scorsa settimana il titolo Fiat ha perso più del 10% dopo l`annuncio del piano industriale considerato dagli analisti troppo ambizioso.

Fresca di conti Mediaset crolla del 5,23% a quota 3,51 euro. La società di Cologno Monzese ha chiuso in rosso il primo trimestre con una perdita di 12,5 milioni a fronte dell`utile pari a 9,3 milioni di un anno prima e si prepara a un secondo trimestre ancora difficile in termini di raccolta pubblicitaria. Resta intanto aperta a ogni possibilità sulla pay Tv spagnola Digital Plus, per la quale è pronta, come azionista, a sostenere le scelte della controllata Mediaset Espana.

Meglio Ferragamo (+2,63% a 23,40 euro) che ha archiviato il primo trimestre con un utile netto di pertinenza del gruppo pari a 26 milioni di euro, in crescita del 7% rispetto allo stesso periodo 2013, su ricavi in aumento del 6% a 299 milioni, e Campari (+0,25% a 5,98 euro) che ha chiuso i primi tre mesi dell`esercizio, un trimestre stagionalmente poco importante, con un utile lordo in contrazione del 47,4% a 20,7 milioni di euro, un risultato inferiore al consenso degli analisti, che ha risentito di un effetto cambio sfavorevole.

Attenzione infine ad A2A (+0,06% a 0,856 euro) perché sono ore decisive per la scelta della nuova squadra che guiderà il gruppo post passaggio dal sistema duale a quello tradizionale. Fonti politiche bresciane e milanesi hanno parlato di una situazione di stallo: Brescia spinge per conferire all`attuale direttore generale, Renato Ravanelli, l`incarico di nuovo ad della superutility lombarda, mentre Milano vuole un ricambio e punterebbe su Stefano Cao, ex direttore generale E&P di Eni, già all`interno del consiglio di gestione della superutility lombarda.



Fonte: www.milanofinanza.it

Torna al sommario


Via E. Pappacena, 22
70024 BARI
Part. IVA 05656010724
Cap. Soc. 600.000 € i.v.

HOME
L'AZIENDA
GESTIONE DEL CREDITO
SUPPORTO AL CREDITO
I NOSTRI PARTNERS
RASSEGNA STAMPA
DOWNLOAD DOCUMENTI LAVORA CON NOI
CONTATTI

Tutti i marchi rappresentati appartengono ai rispettivi proprietari

allservicefinance.it
© All Rights Reserved